Alla Nigeria basta un gol di Odemwingie per ipotecare gli ottavi ed eliminare la Bosnia

Alla Nigeria basta un gol di Odemwingie per ipotecare gli ottavi ed eliminare la Bosnia

© foto di imago sportfotodienst
 di Vito Aulenti Twitter:  articolo letto 1587 volte

LE FORMAZIONI - Rispetto alle previsioni della vigilia, il ct nigeriano Keshi lascia fuori Oboabona, Uchebo e Moses, preferendo loro Yobo (il capitano), Babatunde e Odemwingie. In avanti, fiducia ad Emenike, alle cui spalle agisce il trio composto da Musa, Babatunde e Odemwingie. Dall'altra parte, Susic si affida a Dzeko, e lancia dal 1' Sunjic e Medunjanin, che in extremis vincono il ballottaggio con Bicakcic e Kolasinac.

ODEMWINGIE ROMPE L'EQUILIBRIO - La Nigeria comincia subito col piglio giusto, mettendo in grande difficoltà la retroguardia bosniaca con la propria rapidità, soprattutto sull'out di destra, dove Lulic soffre in maniera impressionante le incursioni dei vari Musa, Emenike e Odemwingie, che a turno si scambiano di posizione. Dopo diverse conclusioni dalla distanza scoccate da una parte e dall'altra, e un gol ingiustamente annullato a Dzeko per un fuorigioco inesistente, è Odemwingie a rompere l'equilibrio, freddando Begovic su perfetto suggerimento dalla destra di Emenike. E' 1-0 per la Nigeria, che nel finale di tempo viene graziata più volte da un irriconoscibile Dzeko, quest'oggi veramente troppo sterile sotto porta.

BOSNIA, DOV'E' LA REAZIONE? - Nella ripresa ci si aspetterebbe una Bosnia diversa, con maggiori idee e una determinazione più feroce, eppure è nuovamente la Nigeria a farsi preferire, con le sue ripartenze killer che rischiano di far capitombolare anzitempo la formazione di Susic, salvata in più di un'occasione dal miracoloso Begovic. Con l'ingresso in campo di Ibisevic, la Bosnia crea sì più densità in area avversaria, ma non è capace di sfruttare il doppio centravanti, ignorando completamente il gioco sulle fasce. Nel finale, doppia chance per Dzeko, che si conferma in serata no, perdendo entrambe le volte il duello personale con Enyeama, il quale mette in cassaforte il risultato e permette alla Nigeria di conquistare tre punti che sanno di qualificazione agli ottavi.