ZACCARDO A TM:

ZACCARDO A TM: "L'Italia arriverà almeno ai quarti. Nazionale, aspettami"

© foto di Federico De Luca
 di Alessio Alaimo articolo letto 2364 volte

Manca poco e l'Italia sarà chiamata in causa al Mondiale 2010. La prima gara degli azzurri sarà contro il Paraguay, ma come prima e più di prima la Nazionale è circondata dallo scetticismo popolare. TuttoMondiali.it ha voluto raccogliere le sensazioni di chi l'ambiente azzurro l'ha vissuto da vicino quattro anni fa laureandosi campione del mondo. Ovvero il difensore del Parma, Cristian Zaccardo. "Lo scetticismo  - spiega Zaccardo - c'era anche quattro anni fa, l'ho vissuto in prima persona. Poi le cose andarono bene. Come condizione sembra anche un po' peggio di quattro anni fa, ma il girone è molto alla portata, non è difficile. Penso che l'Italia arriverà almeno ai quarti, poi lì sono partite secche e si può andare avanti, si può essere eliminati e si può anche vincere la competizione".

Questa volta non farai parte della spedizione mondiale.

"Mi dispiace. Quando si parla del Mondiale mi viene in mente l'aria che respiravo quattro anni fa, provo un po' di invidia a non essere lì però ho fatto tutto quello che potevo fare per cercare di rientrare. Più di così non potevo fare, ci speravo perché Lippi mi conosce bene, però sono giovane: spero di tornare in Nazionale, ovviamente se lo meriterò. Ora sono a casa e tifo Italia".

Ti aspettavi l'esclusione del tuo ex compagno Mattia Cassani?

"No. Non me l'aspettavo. Dopo l'esclusione di Grosso, che non mi aspettavo, pensavo venisse escluso Bocchetti. Poi però Lippi ha deciso così. Sono rimasto sorpreso".

Quali squadre possono recitare un ruolo da protagonista al Mondiale?

"La sorpresa può essere la Serbia, ma la favorita per me è la Spagna".