<i>Le magnifiche 8</i> - Brasile: la mano di Tite sul <i>centrocampista</i> Coutinho

Le magnifiche 8 - Brasile: la mano di Tite sul centrocampista Coutinho

© foto di Imago/Image Sport
 di Redazione Tuttomondiali.it articolo letto 34 volte

Il Brasile di Tite sta confermando fino a questo momento le previsioni della vigilia che davano i verdeoro favoriti per la vittoria finale del Mondiale. Dopo il mezzo passo falso nella gara d'esordio contro la Svizzera, infatti, i sudamericani hanno chiuso al comando il Gruppo E battendo poi Costa Rica e Serbia. Superato il Messico negli ottavi, adesso è il turno del Belgio nei quarti. Una serie di sfide nella sfida, come ad esempio il duello a distanza tra Neymar e Hazard. Ma ad impressionare nel Brasile è soprattutto il numero di giocatori - guidati ovviamente dall'attaccante del PSG - capaci di determinare in qualsiasi momento. 

IL CAMMINO A RUSSIA 2018
Gruppo E
Brasile-Svizzera 1-1
Brasile-Costa Rica 2-0
Serbia-Brasile 0-2
La classifica del Gruppo E
Brasile 7
Svizzera 5
Serbia 3
Costa Rica 1
Ottavi di finale
Brasile-Messico 2-0

IL MIGLIORE
Ci si aspettava Neymar, ma finora la palma di migliore del Brasile se l'aggiudica Coutinho. Suo il gol probabilmente più bello della prima fase, quello alla Svizzera, poi quello al 91' contro il Costarica, che ha tolto tonnellate di pressione a tutta la Seleçao, infine lo strepitoso assist per l'1-0 di Paulinho contro la Serbia. Nasce attaccante esterno, al Mondiale di Russia fa il centrocampista di lotta e di governo, con lampi di classe purissima. Dopo Modric, è il "centrocampista" migliore visto fin qui.

 

PUNTI DI FORZA E PUNTI DEBOLI
Difficile individuare un punto debole in questo Brasile, che ha probabilmente tra i migliori reparti di portieri, difensori e attaccanti in assoluto. Anche il centrocampo ha qualità ed esperienza, un mix perfetto che ha dato equilibrio alla squadra (Paulinho è l'esempio). I dubbi tattici palesati prima dell'inizio del Mondiale, di fatto, sono stati spazzati via in poco tempo. I recuperi degli infortunati, poi, non fanno altro che confermare il Brasile come squadra da battere.

LA FORMAZIONE
(4-4-2): Alisson; Fagner, Thiago Silva, Miranda, Filipe Luis; Fernandinho, Paulinho, Willian, Coutinho; Neymar, Gabriel Jesus.