Le pagelle dell'Islanda - Malissimo Magnusson, Finnbogason ci prova

Le pagelle dell'Islanda - Malissimo Magnusson, Finnbogason ci prova

© foto di Insidefoto/Image Sport
 di Patrick Iannarelli Twitter:  articolo letto 54 volte

Halldorsson 5,5 - Perforato imparabilmente due volta da Musa, salva sulla sventola di Ndidi. Ma resta di sale sul tiro da fuori del solito Musa: lo salva la traversa.

Saevarsson 5,5 - Finisce col fiatone dopo aver interpretato degnamente una partita divenuta complicatissima dopo lo svantaggio.

Arnason 4,5 - Primo tempo in controllo, poi il crollo. La fotografia della sua prestazione è il secondo gol nigeriano, quando si lascia sfuggire Musa senza possibilità alcuna di fermarlo.

R. Sigurdsson 6 - Gioca una partita tranquilla, scossa solo a inizio ripresa dall'incursione vincente di Musa. Proprio in quella circostanza, il nigeriano lo colpisce alla nuca per andare a esultare e lo costringe al cambio dopo qualche minuto. (Dal 65' Ingason 5 - Patisce la velocità degli avversari e dopo 10 minuti dal suo ingresso in campo arriva il raddoppio che chiude i conti).

Magnusson 4 - Il peggiore in campo. Perde una quantità enorme di palloni in uscita e spesso è distratto nelle coperture. Appoggia l'azione, ma lo fa con poca qualità.

Gislason 5,5 - Prova a smuovere le acque in qualche modo, però spesso lo fa in maniera troppo egoistica e senza costrutto.

Gunnarsson 4,5 - Molto male anche il capitano. Nel secondo tempo, lì in mediana, si aprono voragini inaccettabili. Tra i peggiori. (Dall'87' A. Skulason sv).

G. Sigurdsson 4,5 - Pesa, e non poco, l'errore dal dischetto che poteva riaprire la partita. Anche sul resto, fa poco.

Bjarnason 6 - È il più continuo nella prestazione generale e, nel primo tempo, ha anche due occasioni per andare a segno.

Bödvarsson 5,5 - Lavora tanto di sponda, fa a sportellate un po' con tutti. Però davanti è poco pericoloso. Esce perché stremato e non per demerito. (Dal 71' Sigurdarson 5,5 - Si vede pochissimo).

Finnbogason 6 - Nel primo tempo è lui ad avere la più ghiotta chance quando con l'anca devia una punizione a fil di palo. Poi ha anche il merito di andarsi a conquistare il rigore.