"Mondiali? No, grazie", lo strano caso di Clattenburg: rinuncia per arbitrare... Gli Stati non riconosciuti!

© foto di Daniele Buffa/Image Sport
La scelta curioso del fischietto inglese
 di Pierpaolo Matrone Twitter:  articolo letto 63 volte

Ricordate Mark Clattenburg? Fino a poco fa era uno dei migliori arbitri in circolazione, tanto da arbitrare la finale di Champions League a Milano nel 2016. Sarebbe stato anche uno dei fischietti del prossimo Mondiale, ma ha preso una decisione quantomeno curiosa. Il direttore di gara britannico ha rinunciato ad andare in Russia per arbitrare il Mondiale tra gli Stati non riconosciuti (Padania, Tibet e altri) che si terrà a partire dal 30 maggio.

E' lo stesso Clattenburg, divenuto nel 2017 capo degli arbitri dell'Arabia Saudita, che nei giorni scorsi ha così spiegato i motivi: "È colpa mia. Ero nel programma, poi quando la Fifa ha annunciato le convocazioni per gli Under 17 e gli Under 20 io me ne sono andato e non hanno fatto in tempo a cambiarlo. Sarò anche ambasciatore del torneo, mi piace lavorare con Paesi meno fortunati che non possono entrare nella Fifa per il loro status. Ce ne sono alcuni di cui non ho mai sentito parlare, ma è una splendida opportunità.