<i>Le magnifiche 8</i> - Belgio: finalmente Lukaku, segna e fa segnare

Le magnifiche 8 - Belgio: finalmente Lukaku, segna e fa segnare

© foto di Imago/Image Sport
 di Redazione Tuttomondiali.it articolo letto 30 volte

Il Belgio del ct Martinez, che ha già eguagliato i migliori risultati ottenuti nel 1986 e del 2014, cerca un risultato storico contro il Brasile nei quarti di finale di Russia 2018 e la definitiva consacrazione. Il talento non manca, grazie ad Hazard, De Bruyne e Mertens, il bomber che "la butta sempre dentro" stavolta c'è (Lukaku).  Al netto di una solidità difensiva ancora da registrare, la rocambolesca vittoria ottenuta contro il Giappone negli ottavi ha dato la possibilità ai belgi di poter sostenere l'esame di maturità che coinvolge tutta una generazione di calciatori. 

IL CAMMINO A RUSSIA 2018
Gruppo G
Belgio-Panama 3-0
Belgio-Tunisia 5-2
Inghilterra-Belgio 0-1
La classifica del Gruppo E
Belgio 9
Inghilterra 6
Tunisia 3
Panama 0
Ottavi di finale
Belgio-Giappone 3-2

IL MIGLIORE
Non è entrato nel tabellino di Belgio-Giappone, né alla voce gol né a quella degli assist, ma solo perché le statistiche del calcio, che spesso aiutano ma talvolta drogano le prestazioni di un calciatore, non tengono conto di certe sfumature altrettanto determinanti. Il velo non entra mai in nessuna statistica ma in certi casi vale come e più di un assist, e il velo di Romelu Lukaku per il gol del 3-2 di Chadli al 94' è stata una cosa sublime, che ha perfezionato e di fatto deciso l'esito di quel contropiede che è rimasto negli occhi di tutti. Lukaku è anche questo: segna gol (già a quota 4) ed è anche il terminale perfetto dell'attacco del Belgio per i suoi movimenti. Ce ne sarà un gran bisogno, contro la difesa quasi perfetta del Brasile.

 

PUNTI DI FORZA E PUNTI DEBOLI
I punti deboli - in casa Belgio - nonvanno ricercato tanto nei singoli quanto nella poco esperienza di una squadra che, nonostante l'elevatissimo tasso tecnico, deve ancora dimostrare di poter mantenere una continuità di risultati. Qualche gol di troppo subito (vedi contro il Giappone e la Tunisia) fa spostare l'asticella del pronostico in favore del Brasile. 

LA FORMAZIONE
(3-4-3): Courtois; Alderweireld, Boyata, Vertonghen; Meunier, De Bruyne, Witsel, Carrasco; Mertens, Lukaku, E. Hazard.