<i>Speciale Mondiale:</i> Australia - La stella è l'eterno Tim Cahill

Speciale Mondiale: Australia - La stella è l'eterno Tim Cahill

© foto di Image Sport
 di Redazione Tuttomondiali.it articolo letto 35 volte

Dopo aver superato agevolmente la prima fase a gironi nella zona asiatica, i Socceroos hanno mancato la qualificazione diretta nel secondo raggruppamento, in cui sono arrivati terzi alle spalle di Giappone e Arabia Saudita. Sono stati così necessari due spareggi per accedere al Mondiale: prima quello sofferto contro la sorpresa Siria, battuta solo ai supplementari nel match di ritorno grazie a una rete del'eterno Tim Cahill, poi l'apoteosi contro Honduras. A consegnare la quarta partecipazione consecutiva alla rassegna iridata è stato il centrocampista dell'Aston Villa Mile Jedinak, autore della tripletta decisiva che ha fatto piangere la Bicolor nella gara di ritorno disputata a Sydney. L'Australia è nel Gruppo C, con Francia, Perù e Danimarca.

L'allenatore -

Bert van Marwijk - Arrivato a gennaio, ha subito chiarito di voler superare la fase a gironi. Servirà una piccola impresa all'Australia per arrivare nella top 16 del mondo, dovrà giocarsela con Perù e Danimarca per arrivare alle spalle della Francia e visitare orizzonti ancora inesplorati. 

La stella 

Tim Cahill - Negli occhi di tutti c'è ancora il meraviglioso gol realizzato in Brasile, nella sfida contro l'Olanda della scorsa Coppa del Mondo. L'Australia fu eliminata nella fase a gironi (un gruppo di ferro, con Spagna e Cile) e sembrava che la sua avventura in Nazionale fosse terminata. Invece, Cahill ha rilanciato e a 37 anni è ancora il punto fermo dell'attacco degli oceanici. Arrivato in Inghilterra nel 1997, ha trascorso 15 anni tra Millwall ed Everton ed è tornato a casa nell'agosto del 2016 dopo le parentesi americane e cinesi. Con 50 reti in 103 presenze è il miglior realizzatore di tutti i tempi dell'Australia.

La possibile sorpresa 

Aziz Behich - Terzino sinistro con il vizio del gol dalle chiare origini turche, Behich si sta facendo notare in Süper Lig, dove ha realizzato ben 4 reti con la maglia del Bursaspor in questo primo scorcio di stagione. Si esalta nella difesa a 3, mentre fa più fatica in quella a 4, soprattutto in fase di copertura. Il Mondiale arriva nel momento cruciale della sua carriera e a 26 anni potrebbe consacrarsi definitivamente sulla scena internazionale.

La probabile formazione (3-4-2-1) - Ryan; Wright, Jurman, Sainsbury; Leckie, Jedinak, Milligan, Behich; Kruse, Rogic; Cahill.