L'<i>autostrada</i> araba per la seconda vita di Cheryshev, Russia sogna col 'suo' Schillaci. Golovin, il CSKA gioca al rialzo

L'autostrada araba per la seconda vita di Cheryshev, Russia sogna col 'suo' Schillaci. Golovin, il CSKA gioca al rialzo

© foto di www.imagephotoagency.it
 di Marco Frattino Twitter:  articolo letto 52 volte

A volte la vita è strana, discorso che vale anche per Denis Cheryshev. Nessuno, probabilmente, in Russia s'aspettava un'autostrada in occasione del debutto Mondiale contro l'Arabia Saudita. Esterno offensivo e all'occorrenza seconda punta, il classe '90 era stato scaricato dal Real Madrid non più tardi di un paio di anni fa. Senza mai fare la differenza alla casa blanca, almeno in positivo. Perché dalle parti del Santiago Bernabeu nessuno dimenticherà mai quanto accaduto il 2 dicembre 2005 in Copa del Rey. Quando Cheryshev fu schierato in campo da Rafa Benitez nonostante la squalifica dell'anno precedente mai scontata in quella competizione, situazione che spinse la Federazione spagnola a eliminare d'ufficio il Real dalla coppa e spingere Cheryshev a tornare al Villarreal. Laddove s'era affermato a buoni livelli, con Benitez che un mese dopo fu silurato da Fiorentino Perez per fare spazio a Zinedine Zidane.

 

La storia recente del Real l'ha scritta il tecnico francese, senza il talentuoso calciatore russo che però ieri potrebbe aver visto nascere una nuova parte della sua carriera. Determinante a Mosca, da subentrante al posto dell'infortunato Alan Dzagoev, nel Mondiale casalingo. La Russia spera di aver scovato il 'suo' Salvatore Schillaci, come l'Italia nel 1990 fece con l'attaccante siciliano fino ad arrivare al terzo posto Mondiale. Difficile che la Russia possa trovare così in alto, forse è impossibile che il ct Stanislav Cherchesov possa trovare la quadra come fece Azeglio Vicini ma Vladimir Putin e i suoi figlioli sperano di aver trovato una nuova stella. Oltre Aleksandr Golovin, che ha lasciato intendere il motivo per cui la Juventus e il Barcellona hanno già chiesto informazioni al CSKA Mosca, che ora proverà a strappare qualche altro milione di euro all'acquirente del calciatore.