Le pagelle del Brasile - Due ciliegine di Thiago Silva, <i>danger</i> Coutinho

Le pagelle del Brasile - Due ciliegine di Thiago Silva, danger Coutinho

© foto di www.imagephotoagency.it
Risultato finale: Serbia-Brasile 0-2
 di Andrea Piras Twitter:  articolo letto 38 volte
Fonte: Dimitri Conti

Alisson 6 - Più che in interventi tra i pali, si destreggia fuori: impegnato in tantissime uscite sopra le teste dei giganti serbi, in alcune delle quali non denota massima sicurezza. Ma finisce imbattuto.

Fagner 6 - Ordinato, difficilmente si allontana troppo dalla sua zona di competenza. Sovrastato solo in una circostanza da Mitrovic sul gioco aereo, per il resto in difesa non è quasi mai sorpreso.

Thiago Silva 7 - Allontana una quantità industriale di cross che arrivano dai due lati e mette due ciliegine sulla sua partita: prima impedisce il pari a Mitrovic, poi va a segnare di testa il gol conclusivo.

Miranda 6,5 - Grandissima esperienza quella che ha il Brasile al centro della sua difesa. E anche il nerazzurro offre una signora prestazione, tenendo sempre sotto Mitrovic sul gioco aereo.

Marcelo s.v. - La sua presenza in campo a Mosca non dura neanche dieci minuti. Non si sente bene, e lo fa vedere, trovandosi costretto a chiedere il cambio. (dal 10' Filipe Luis 6 - Buttato dentro a freddo per l'infortunio di Marcelo, tutto sommato si fa trovare presenze disputando una prestazione attenta e priva di sbavature).

Paulinho 7 - I suoi compagni sanno che spesso ad attaccare lo spazio vuoto c'è lui. Coutinho infatti vede un buco e lì serve il lancio che lo manda in rete. A lui basta sfiorare la palla sul rimbalzo e beffare Stojkovic. (dal 66' Fernandinho 6 - Entra per dare maggior ordine alla partita. Di lì a poco arriva anche il raddoppio e la contesa si indirizza su un terreno totalmente in discesa).

Casemiro 6,5 - Presidia la mediana con temperamento e carattere, chiude molte avanzate serbe con attenzione e tempismo da top player nel ruolo. Perde un brutto pallone nel finale ma la prova è più che sufficiente.

Willian 6 - Nell'undici verde-oro è quello che ci mette più tempo in assoluto per accendersi. Assente nel primo tempo, nella ripresa si accende e mette più spesso in apprensione Kolarov.

Coutinho 7 - Pericolo costante per la Serbia, riesce a fare sia la mezzala che il trequartista. Ma soprattutto ispira una grande quantità di azioni, a partire dal divino assist per il vantaggio di Paulinho. Fuori nel finale. (dall'82' Renato Augusto s.v.)

Neymar 6,5 - Stavolta sembra voler partire forte da subito, anche se non si risparmia certamente sterzate e fiocchettini. Al contempo però offre l'assist a Thiago Silva direttamente da calcio d'angolo.

Gabriel Jesus 6 - Ha voglia di incidere e si sbatte già dai primi palloni dell'incontro. Poi subisce una botta alla caviglia, che sembra condizionarlo in parte per il resto della partita, dove si vede meno.