Le pagelle della Croazia - Mandzukic rapace, Rebic migliore in campo

Le pagelle della Croazia - Mandzukic rapace, Rebic migliore in campo

© foto di www.imagephotoagency.it
Risultato finale: Croazia - Danimarca 1-1 (4-3 dopo i rigori)
 di Andrea Piras Twitter:  articolo letto 46 volte
Fonte: Dimitri Conti

<b>Subasic 6,5 - </b>Incertezza piuttosto evidente sul primo gol. Era sì coperto ma l'intervento è tutt'altro che perfetto e la palla va subito in rete. Sarebbe da insufficienza ma i tre rigori parati gli fanno schizzare in alto il voto.

<b>Vrsaljko 6 - </b>Comincia piuttosto garibaldino, ma alla lunga distanza i problemi palesati dalla sua squadra lo costringono più spesso a rimanere indietro. Anche se l'azione del vantaggio nasce da una sua discesa.

<b>Lovren 6 - </b>Si perde Braithwaite nell'unica occasione in cui non è puntuale, ma stava per costare cara. Per il resto prova sufficiente con tanto di gol sfiorato nel secondo tempo.

<b>Vida 6 - </b>La sua chiusura è un po' affannosa sulla prima azione avversaria, permettendo così a M. Jorgensen la girata che trova Subasic sorpreso. Poi però non concede quasi più nulla.

<b>Strinic 5,5 - </b>In costante difficoltà sulle scorribande di Poulsen, che lo affronta spesso verso l'interno. In avanti poi praticamente non lo si vede. Dalic poi si vede comunque costretto a toglierlo per infortunio. (<b>dall'81' Pivaric 6 - </b>La corsia difensiva mancina beneficia del suo ingresso da lì al centoventesimo. Poi però sbaglia il calcio di rigore, per fortuna in modo ininfluente).

<b>Modric 5,5 - </b>Un voto difficilissimo da dare. In campo, pur non essendo una delle sue migliori prove, illumina: servendo la meravigliosa imbucata che Rebic tramuta in rigore. Da lui sbagliato, con incubi annessi. E invece nella serie poi trasforma.

<b>Brozovic 6 - </b>Quando la partita comincia si svela il mistero: non fa il trequartista, bensì il regista nei tre di centrocampo. Disputa una prova nel complesso sufficiente, anche se rivedibile in qualche frangente. (<b>dal 71' Kovacic 6 - </b>Si spende in rincorse lunghissime, che però lo trovano senza fiato quando è lui ad essere in possesso. Comunque sufficiente per lo spirito d'abnegazione).

<b>Rakitic 6,5 - </b>Non offre le sue solite incursioni nel corso della partita, anche se rimane comunque tra gli ultimi a mollare, impegnando anche Schmeichel con una staffilata da fuori. Mezzo punto in più per il rigore che trasforma nei quarti.

<b>Rebic 7 - </b>Non segna ma è senza dubbio il migliore in campo per la sua squadra. Scatta, rincorre gli avversari ma soprattutto regala al suo capitano Modric la possibiltà di vincerla senza i rigori finali. Ai quali lui poi non partecipa.

<b>Mandzukic 6,5 - </b>Lesto, rapace nell'avventarsi sul rimpallo fortuito generatosi nell'area danese e tramutarlo nel gol che ristabilisce subito il pari. Poi però si perde, tra botte ricevute e poca presenza da riferimento. (<b>dal 108' Badelj s.v.</b>)

<b>Perisic 5,5 - </b>Non si accende mai, non sfruttando la lentezza di Dalsgaard dalla sua parte. Ha una sola grande occasione, che spreca mancando il primo tiro e spedendo altro il secondo. Fuori nei supplementari. (<b>dal 97' Kramaric 6 - </b>Poco tempo per incidere, ma lui ci prova lo stesso. E per poco non si ritrova a far male con un cross deviato in modo sporco).