Le pagelle della Danimarca - Schmeichel para-rigori, Zanka a due volti

Le pagelle della Danimarca - Schmeichel para-rigori, Zanka a due volti

© foto di Imago/Image Sport
Risultato finale: Croazia - Danimarca 1-1 (4-3 dopo i rigori)
 di Andrea Piras Twitter:  articolo letto 35 volte
Fonte: Dimitri Conti

<b>Schmeichel 7 - </b>Prova a fermare Mandzukic, che però è troppo vicino. Poi quasi più nulla, fino al 116° quando è saltato da Rebic, steso da Zanka: è rigore. Che lui neutralizza. Nella serie poi ne para altri due ma non basta.

<b>Dalsgaard 5,5 - </b>Clamorosa disattenzione sul gol di Mandzukic, sul quale è lui a fornire l'assist all'avversario calciando addosso al compagno Christensen. Per il resto concede poco, ma spinge altrettanto con rarità.

<b>Kjaer 6,5 - </b>Prestazione da leader della difesa. Sulle palle alte non concede niente a nessuno: prova anche a fermare Mandzukic a botta sicura ma non ci riesce. Nella serie di rigori segna anche, buttando giù la porta.

<b>M. Jorgensen 6 - </b>La partita di Zanka, suo nome d'arte, è a due volti. La apre magnificamente, segnando il gol del vantaggio, ma rischia di chiuderla in tragedia con il fallo da rigore. Che per sua fortuna Schmeichel neutralizza.

<b>Knudsen 6 - </b>Le sue rimesse laterali sono veramente delle bombe atomiche, anche se non sempre i suoi compagni le tramutano in occasioni concrete. Merita la sufficienza solo per aver fatto su e giù per battere tutte le volte.

<b>Christensen 5,5 - </b>Lui che è difensore, ma ha già giocato da mediano, oggi sembra davvero un pesce fuor d'acqua. Anche sfortunato: Dalsgaard gli calcia addosso e diventa l'assist per Mandzukic. (<b>dal 46' Schone 6 - </b>Ci mette qualche minuto a carburare, poi prova anche ad innescare la sua arma migliore, il tiro da fuori. Che per poco, nel primo supplementare, non inquadra lo specchio di Subasic).

<b>Delaney 6 - </b>Mette a disposizione della sua nazionale i suoi polmoni d'acciaio e le sue gambe da maratoneta. In avanti prova un paio di sortite ma entrambe senza fortune. Fuori sfinito nei supplementari. (<b>dal 98' Krohn-Dehli 6 - </b>Entra per far rifiatare il compagno e non fa niente per demeritare, segnando anche il suo rigore nella serie finale).

<b>Yurary Poulsen 6,5 - </b>In campo è lui il migliore della Danimarca, sia in fase di sponda aerea che quando deve fare da appoggio esterno. La sua imprevedibilità fa impazzire Strinic e crea numerose azioni pericolose.

<b>Eriksen 6 - </b>Non la sua miglior partita, ma non sarebbe neanche giusto stroncarlo per aver sbagliato il primo rigore di una serie che in totale ha visto cinque errori. Anzi, cinque parate. Che sia anche merito dei portieri?

<b>Braithwaite 6 - </b>Forse la sua valutazione non dovrebbe essere totalmente sufficiente, anche se si rivela prezioso in entrambe le fasi. E per poco non regala il gran gol vittoria ai suoi all'ultimo istante. Premio per il coraggio. (<b>dal 106' Sisto s.v.</b>)

<b>Cornelius 5,5 - </b>Il suo ct Hareide gli chiede tanto sacrificio, e lui esegue piuttosto diligentemente. Fatica però a crearsi occasioni da ricordare, e in qualche occasione poteva essere più famelico. (<b>dal 66' N. Jorgensen 5,5 - </b>Per lui l'errore decisivo nella serie finale. Mezzo punto in meno: fino a quel momento aveva comunque provato a rendersi pericoloso nei modi più disparati).